Prenotazioni 0444 91 36 11 / 0444 41 46 19

Al fine di migliorare e ottimizzare il residuo visivo centrale e/o periferico del paziente ipovedente, si possono utilizzare diverse tipologie di ausili.

Nel caso di ipovisione centrale, gli ausili che permettono di ingrandire le dimensioni delle immagini sono:

  • ausili ottici: occhiali ipercorrettivi, telescopio galileiano o kepleriano per lontano e per vicino, lenti di ingrandimento
  • ausili elettronici: videoingranditore da tavolo e portatili, sistemi dotati di sintesi vocale

Nel caso di ipovisione con compromissione del campo visivo periferico, si possono utilizzare:

  • ausili ottici d’ampliamento della visione periferica: telescopi inversi (monoculari non utilizzabili in movimento), per pazienti affetti da marcata riduzione concentrica bilaterale del campo visivo periferico non oltre i 10°, che conservano una buona acuità visiva centrale
  • occhiali prismatici ed occhiali a specchietti (non utilizzabili in movimento), per soggetti con emianopsia bilaterale (di difficile utilizzo)
  • occhiali elettronici a raggi infrarossi per cercare di migliorare la visione in condizioni di scarsa luminosità (poco diffusi)

 

In molti pazienti affetti da ipovisione centrale e/o periferica, possono essere presenti abbagliamento e fotofobia provocati dalla luce, sia naturale che artificiale; in tali casi, è utile l’utilizzo di filtri antiparticelle fototossiche a nanometri controllati.